Yoga ed epilessia: cosa dovrebbe sapere un insegnante di yoga

Yoga ed epilessia: cosa dovrebbe sapere un insegnante di yoga

L’epilessia è tra i cinque disturbi neurologici più comuni prevalenti a livello globale. L’Organizzazione mondiale della sanità stima che almeno 50 milioni di persone vivano con l’epilessia. È una condizione caratterizzata da convulsioni incontrollate , che possono ripetersi senza una ragione apparente.

L’epilessia è un disturbo neurologico che colpisce il sistema nervoso centrale. In altre parole, è un disordine del sistema elettrico del cervello.

Un attacco è come una tempesta elettrica nel cervello. Durante questa anomala tempesta elettrica, la parte interessata del cervello non può svolgere il normale compito. Le persone sperimentano improvvise alterazioni nei movimenti, nelle sensazioni, nella consapevolezza o nel comportamento.

L’effetto esteriore può essere drammatico come un movimento violento selvaggio o lieve come una breve perdita di consapevolezza.

Cause e trattamento dell’epilessia

Anche se è un disturbo comune e ci sono così tante ricerche sull’argomento, si sa molto poco sull’epilessia. Le cause dell’epilessia non sono ancora completamente comprese.

Tuttavia, nella maggior parte dei casi la causa della condizione non è riconosciuta.

Si stima che circa il 70% di coloro che vivono con l’epilessia può vivere vicino alla vita normale con l’aiuto di farmaci. Tuttavia, il 30% deve soffrire e non può vivere una vita soddisfatta. Inoltre, ci sono molti stimmi sociali legati alla malattia. Significa che le persone che vivono con l’epilessia possono sperimentare l’isolamento sociale.

I professionisti medici raccomandano l’esercizio fisico come trattamento complementare per l’epilessia, poiché riconoscono il fatto che l’ esercizio fisico migliora la forma fisica, l’energia, l’umore e allevia lo stress.

Migliorare la salute generale e il benessere in questo modo può aiutare a ridurre le convulsioni e l’impatto dell’epilessia per alcune persone. Può anche aiutare le persone a sentirsi più in controllo della propria salute.

Come può aiutare lo yoga?

La pratica dello yoga è stata dimostrata per i suoi benefici per la salute duraturi. Lo yoga non riguarda solo alcuni movimenti fisici; gli asana (posture yoga) e gli esercizi di respirazione yogica hanno un grande impatto sul funzionamento del sistema nervoso. La respirazione controllata, la meditazione e le posture yoga delicate aiutano a ridurre lo stress [2], una causa ben nota di convulsioni da epilessia.

Un Hatha Yoga ben bilanciato o una pratica Yin Yoga possono calmare il sistema nervoso, il che può ridurre le possibilità di entrare in un attacco e potrebbe persino aiutare a fermarlo prima che diventi completo. [3]

È interessante notare che se le posizioni yoga, gli esercizi di respirazione e la meditazione sono praticati regolarmente e abbastanza a lungo, possono portare ad alcuni cambiamenti permanenti nel cervello. [4] Pertanto lo yoga potrebbe avere un effetto molto positivo, come trattamento aggiuntivo insieme ai farmaci. E c’è la possibilità che dopo una pratica prolungata si verifichino cambiamenti positivi nel corpo e nel cervello. Questi cambiamenti possono aiutare a prevenire le convulsioni e ad aumentare la durata dei periodi senza convulsioni.

Uno studente di yoga con epilessia: cosa devi sapere

Le convulsioni possono avvenire in qualsiasi momento e senza motivo apparente. Pertanto come insegnante di yoga dovresti essere informato se uno studente soffre di epilessia. La maggior parte delle persone condividerà questo tipo di informazioni con te, tuttavia per essere al sicuro, considera la possibilità che tutti i nuovi studenti compilino un modulo di ammissione di base. In questa forma, chiedi lesioni, condizioni e altri problemi che potrebbero influenzare la loro pratica yoga. Si raccomanda inoltre di dichiarare chiaramente che gli studenti si assumono la piena responsabilità per la propria salute e il proprio benessere.

1. Conoscere le misure di primo soccorso

Se uno studente ti informa sulla sua epilessia, assicurati di informarti chiaramente su come si manifesta la malattia per lo studente e cosa dovresti fare se lo studente ha un attacco durante la lezione .

2. Chiedere possibili fattori scatenanti di convulsioni e cercare di evitarli

I trigger per il sequestro variano notevolmente. Possono essere legati allo stress di un nuovo ambiente, alla stimolazione sensoriale come luci intense, a bassi livelli di zucchero nel sangue proprio prima dell’ora di pranzo, al sonno insufficiente la sera prima o al ciclo mestruale. Non ci sono indicazioni che determinate posture o esercizi cardiovascolari scatenino convulsioni. La maggior parte dei pazienti con epilessia è a conoscenza di determinati fattori scatenanti che causano convulsioni. Quindi chiedi al tuo studente se è probabile che durante la lezione possano verificarsi alcuni trigger, quali potrebbero essere e in che modo puoi aiutare ad evitarli.

3. Non trattarli con guanti per bambini

Non è necessario trattare i tuoi studenti che soffrono di epilessia con grande delicatezza e non permettere loro di impegnarsi attivamente in classe.

È importante ricordare che è molto improbabile che determinati esercizi e sforzi fisici causino un attacco.

Infatti, uno studio condotto in Norvegia su donne con epilessia incontrollata, ha dimostrato che sessioni regolari di esercizio aerobico (ad esempio corsa, camminata, nuoto, ciclismo) per 60 minuti, due volte a settimana, per 15 settimane hanno determinato una riduzione significativa del numero di convulsioni che avevano. [1]

La componente di esercizio dello yoga è quindi molto utile ed è solo molto raramente un fattore scatenante per le convulsioni. Per rimanere al sicuro, assicurati che lo studente non si eserciti eccessivamente. In generale, gli studenti con epilessia possono fare tutti gli esercizi di respirazione, i saluti al sole e la maggior parte delle posizioni yoga .

4. Evita le situazioni in cui lo studente può cadere da una posa

Il rischio maggiore per gli studenti di yoga con epilessia è di cadere in una posa in caso di convulsioni inaspettate.

Pertanto, come insegnante, dovresti fornire variazioni di posture che potrebbero causare lesioni se cadono da esse o rimangono con lo studente per l’intera posizione della posa. Le posture che potrebbero comportare un rischio simile sono ad esempio il supporto per la testa e la spalla.

5. Incoraggiarli e motivarli

Tenendo presente tutte le precauzioni sopra menzionate, se uno studente si sente motivato a praticare asana stimolanti come inversioni e equilibri delle mani e ha un buon riconoscimento precoce delle convulsioni che impediscono – considera di incoraggiarli a provare con te nelle vicinanze. Allo stesso tempo, naturalmente, avvertili di essere consapevoli di ciò che stanno facendo, di come si sentono e chiedigli di fermarsi immediatamente se sentono che qualcosa non va (come stanno già facendo in qualsiasi altra situazione).

8 esercizi di yoga calmante e rigenerante e posa per l’epilessia

I seguenti 8 esercizi e posture yoga sono utili per calmare il sistema nervoso e sono quindi utili per affrontare le conseguenze post-crisi di un attacco. Come accennato in precedenza, con la pratica regolare alcuni pazienti con epilessia potrebbero persino sperimentare una riduzione delle convulsioni.

Anulom Vilom - Yoga ed epilessia Anulom Vilom | Respirazione della narice alternata

Inizialmente raccomandiamo di praticare questo esercizio di respirazione senza ritenzione. Quindi, inspirando 4 conteggi attraverso la narice sinistra ed espirando immediatamente 8 conteggi attraverso la narice destra. Per completare un round, inspirare di nuovo attraverso la narice destra per 4 conteggi ed espirare attraverso la narice sinistra 8 conteggi. Una volta che ti senti a tuo agio, puoi aggiungere una ritenzione di 8 conteggi dopo l’inalazione (e prima dell’espirazione).

Childspose - Yoga ed epilessia Shashankasana (Balasana) | Posa del bambino

Mentre appoggia la fronte sul tappetino e lascia che il respiro diventi facile e confortevole, entri nello stato di riposo e rigenerazione del tuo sistema nervoso. La leggera pressione della fronte contro il suolo è molto calmante e lenitiva. Assicurati che la fronte sia appoggiata sul tappetino o su un cuscino e che anche i glutei poggino sui talloni o sul cuscino.

Salamba Sarvangasana | Supportato spalle (contro il muro)

Il lieve aumento del flusso sanguigno verso la testa e la pressione nella regione della gola, innesca un riflesso fisico chiamato barorefless. È uno dei tanti fattori scatenanti che abbiamo nel nostro corpo, che ci fanno entrare nello stato calmo e rilassato del sistema nervoso parasimpatico. A causa di questo effetto, il Shoulderstand è in realtà una posa molto rilassante. Per rendere questa posa più accessibile e più sicura, suggeriamo di insegnarla con i piedi contro il muro per gli studenti con epilessia.

Curva in avanti - Yoga ed epilessia Passchimottanasana | Curva in avanti seduta

La piega in avanti seduta (Passchimottanasana) è una posa eccellente per allungare l’intero lato posteriore del corpo e rilasciare la tensione nella parte bassa della schiena e dei fianchi. Prima di entrare nella posa, assicurati di essere seduto in alto sulle tue ossa sedute. Inserisci la posa con la schiena dritta e quando raggiungi la massima flessione, consenti alla parte superiore della schiena di arrotondarsi e alla fronte appoggiata sulle ginocchia (o su un supporto). Se i tuoi muscoli posteriori della coscia sono stretti, piega le ginocchia e appoggiale su una coperta piegata prima di entrare nella posa come descritto sopra. Una volta che sei in posa, prova a rilassarti completamente mentre respiri nella parte inferiore della pancia e nella parte bassa della schiena.

Supta Eka Pada Kapotasana | Posa del piccione addormentato

La posa del piccione addormentato allunga e allenta le tensioni profonde all’interno dei glutei (glutei e piriformi) e dei flessori dell’anca (quadricipite femorale e psoas) mentre dà spazio per respirare nel corpo e controlla come ti senti. Lo psoas è considerato un deposito per lo stress e l’ansia e un leggero allungamento può aiutare gli studenti con epilessia a rilasciare emozioni e stress a lungo immagazzinati.

Seal - Yoga ed epilessia Seal Pose (Yin Yoga)

Il sigillo è una versione adattata della posa Cobra estesa. Attraverso l’uso di cuscini sotto la pancia, diventa una posa di Yin Yoga che può essere mantenuta per 3-5 minuti. È un’ottima posa per massaggiare l’arco sacrale-lombare e stimola l’intera colonna vertebrale e gli organi addominali.

Yogic Squat - Yoga ed epilessia Posa di ghirlanda | Malasana

La Garland Pose, alias Yogic Squat, è una posa in cui devi trovare un equilibrio tra attivazione e rilassamento. Mentre spingi i talloni nel terreno, spingi i gomiti verso l’esterno e allungati verso l’alto con la parte superiore della testa, consenti ai talloni d’Achille di rilassarsi e alle cosce e ai polpacci interni di allungarsi. Assicurati di mantenere i talloni appoggiati e, se necessario, supportali su un tappetino piegato o su un blocco.

Posa dell'albero - Yoga ed epilessia Vrkshasana | Posa dell’albero

La posa dell’albero è una posa immensamente radicale e calmante, in cui puoi sviluppare la concentrazione su un punto e una mente chiara. Guarda un punto leggermente sopra il livello degli occhi e circa 2 metri di distanza. Guarda il punto con uno sguardo gentile e se stai lottando per mantenere l’equilibrio, dirigi il respiro al punto focale. Mantieni la posa per almeno 1 minuto per lato.

Un esempio di vita reale di yoga ed epilessia

una storia vera in cui lo yoga può aiutare a ridurre le convulsioni da epilessia (di Yvon, Arhanta Yoga laureato 200 ore)

Mi è stata diagnosticata l’epilessia nella prima infanzia. Un attacco epilettico è ed è stato spesso causato da tensioni o momenti stressanti. Prendo le medicine ogni giorno. Ho una forma di epilessia che si esprime nelle cosiddette convulsioni tonico-cloniche. [5] Durante un tale attacco, di solito svenuto, tutto il mio corpo fa movimenti scioccanti e spesso perdo l’urina. Le convulsioni si verificano quando sono in uno stato di riposo, non quando faccio sport, danza e altre cose attive.

Vivo una vita molto attiva e lavoro nel settore dello sport e del fitness. In realtà vivo una vita normale senza molti adattamenti. Ma anche con i farmaci ho regolarmente convulsioni epilettiche.

Da quando pratico lo yoga, posso controllare molto di più i momenti emozionanti e lo stress della mia vita. Da quando sono un insegnante di yoga certificato, sono stato in grado di calmare molti momenti di attività nel mio cervello e prevenire convulsioni epilettiche.

Sento che il mio cervello crea attività quando sono stanco, quando provo stress o mi sento emotivo. Non appena lo sento, spesso inizio immediatamente con l’esercizio di respirazione Anulom Vilom. Questo esercizio di respirazione è il mio numero 1 da seguire per calmare il mio sistema nervoso e lo seguo con Shavasana (Corpse Pose).

Ogni giorno pratico quasi tutte le asana che voglio fare, senza alcun problema. Headstand e altre inversioni, queste asana non sono affatto un problema per me. L’equilibrio è la chiave. Se sono stanco o troppo eccitato, mi prendo cura di me stesso facendo un pisolino. Il cibo sano e nutriente è molto importante anche per me. Ma penso che questo sia importante per tutti. Mi assicuro anche di dedicare abbastanza momenti per caricare la mia batteria.

Al giorno d’oggi, quando sono stressato o eccitato, il mio ragazzo mi incoraggia a fare i miei esercizi di respirazione e meditazione. Ha visto l’immensa differenza nella mia vita che lo yoga ha portato. Perché la mia esperienza personale posso dire con tutto il cuore che “Sì! Lo yoga può sicuramente aiutare con l’epilessia! ‘ – di Yvon Tilmans, @yogi_on_a_journey

risorse

[1] https://www.epilepsysociety.org.uk/exercise-and-epilepsy

[2] https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22365651

[3] https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3200033/

[4] https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6023989/

[5] https://www.epilepsy.com/learn/types-seizures/tonic-clonic-seizures

Circa l’autore

Ram-Online-Yin-Yoga-Teacher Ram Jain (E-RYT 500) è il fondatore e direttore di Arhanta Yoga Ashrams India e Paesi Bassi.

Tiene corsi di formazione professionale per insegnanti di Yoga in India e Paesi Bassi. Dal 2019, ha formato oltre 4000 insegnanti di yoga.

Subscribe now to receive our series of short e-books

Our E-books

Subscribe to our mailing list and receive a series of short e-books