Che cos’è l’Hatha Yoga?

Che cos'è l'Hatha Yoga?

Ti sei mai chiesto quali siano gli antichi principi dello yoga? In cosa consiste veramente lo yoga? E qual è la differenza tra stili di yoga modernizzati e Hatha Yoga tradizionale? Lo yoga sta diventando sempre più diffuso nel mondo. Poiché lo yoga ha molti vantaggi, la crescente popolarità dello yoga può essere vista come uno sviluppo positivo. Tuttavia, questo sviluppo si accompagna a un cambiamento nella pratica dello yoga. L’enfasi si sta spostando dalla pratica olistica ad esercizi più ispirati allo yoga.

Questo blog offre una panoramica della filosofia di base e della pratica tradizionale dell’Hatha Yoga.

I quattro percorsi dello yoga

Per capire cos’è l’Hatha Yoga, dobbiamo prima capire i quattro percorsi dello yoga.

Come forse saprai, l’obiettivo finale dello yoga tradizionale non è aumentare la flessibilità e la forza. Alla base, la filosofia yoga si concentra sul raggiungimento dell’autorealizzazione. L’autorealizzazione può essere descritta come lo stato in cui sei libero dalle illusioni del mondo materiale, comprendendo così il vero nucleo della tua esistenza (il vero Sé).

Per raggiungere questo obiettivo, le Scritture offrono quattro percorsi yogici. Ognuna è una pratica non settaria adatta a esseri umani con varie personalità, possibilità e capacità. Puoi seguire uno o più di questi percorsi per raggiungere l’obiettivo della realizzazione del Sé.

  • Raja Yoga : il percorso del controllo. In questa pratica, porti il ​​corpo, la mente e il respiro sotto controllo per lasciar andare l’ego e realizzare il Sé. L’Hatha Yoga , inclusa la pratica delle asana, fa parte del Raja Yoga.
  • Jnana Yoga (Gyan Yoga) : il percorso della conoscenza. In questa pratica, arrendi il tuo ego attraverso l’acquisizione della conoscenza, che rimuove l’ignoranza e l’illusione e conduce alla comprensione della realtà del Sé.
  • Bhakti Yoga : il percorso della devozione al Divino e la purezza. Questo è il percorso di cedere il tuo ego a qualunque sia la tua percezione della Divinità e completamente sattvica (pura). In questo modo, inizi a realizzare la realtà del Sé.
  • Karma Yoga : il percorso del dovere altruistico. Quando segui questo percorso, fai il tuo dovere al meglio delle tue capacità, senza attaccamento ai risultati o ai premi. Questo ti aiuta a lasciar andare il tuo ego e porta alla realizzazione del Sé.

Filosofia Hatha YogaCinque punti di Hatha Yoga

Gli otto arti del Raja Yoga

Raja in sanscrito significa “controllo”, riferendosi alla pratica dello yoga in cui lavoriamo per controllare la nostra mente attraverso il controllo del nostro corpo e respiro. Il Raja Yoga si basa sui Yoga Sutra scritti da Patanjali. Uno dei capitoli descrive il percorso dello yoga in otto arti per controllare corpo, mente, sensi, abitudini e desideri per raggiungere il “kaivalya”, la consapevolezza ultima o la liberazione ultima.

Il primo arto di questo percorso è costituito dalle linee guida morali ed etiche, gli Yama . Gli Yama descrivono principi come la non violenza, la veridicità e il controllo sugli impulsi. Il secondo elemento, i Niyama , si concentra sullo sviluppo di discipline positive al fine di progredire sul percorso yogico. Queste discipline positive includono la purificazione del corpo e della mente, la contentezza per le cose che hai, l’autodisciplina, lo studio personale e la devozione alla pratica.

Basandosi sui primi due arti, la pratica continua con sei arti:

  • Asana o esercizi fisici per purificare il corpo fisico,
  • Pranayama o esercizi di respirazione per purificare il corpo energetico,
  • Pratyahara o ritiro sensoriale per calmare i sensi,
  • Dharana o concentrazione per portare il controllo alla mente,
  • Dhyana o meditazione, per osservare se stessi,
  • Samadhi o profonda connessione con se stessi per liberarsi dall’illusione.

Nascita di Hatha Yoga

Come accennato in precedenza, i primi due passaggi degli otto arti sono focalizzati sulla pulizia del personaggio. E, secondo i Sutra Yoga di Patanjali, solo quando la propria natura è purificata; si potrebbe iniziare con la pratica delle asana.

Intorno all’inizio del XV secolo, alcuni yogi del lignaggio Natha non volevano aspettare così a lungo e iniziarono a praticare asana prima di dominare Yama e Niyama. Dato che la mente non era pronta per ulteriore pratica, hanno dovuto lavorare di più. Lo chiamano la loro pratica ‘Testarda’ dello Yoga. Questo naga yogi continuava a praticare gli asana fino a quando non li padroneggiavano. Questo modo di praticare il Raja Yoga, non seguendo il rigoroso ordine di padronanza iniziale di Yamas e Niyamas, è stato chiamato ‘ Hatha Yoga ‘.

Swami Swatmarama , un saggio del XV secolo compilò l’ Hatha Yoga Pradipika e descrisse brevemente sei arti dello yoga per raggiungere il Samadhi senza il lungo processo dei primi due passi dello Yama e del Niyama. Hatha Yoga è anche noto come Shatanga Yoga ( yoga a sei arti).

Swami Swatmarama consiglia di iniziare con le pratiche fisiche all’inizio perché la maggior parte delle persone troverà più facile padroneggiare la mente attraverso il corpo, piuttosto che purificare il loro carattere, le loro abitudini e la mente direttamente attraverso l’osservanza degli Yama e dei Niyama.

Hatha Yoga, quindi, si concentra principalmente sulla purificazione del corpo come un percorso che porta alla purificazione della mente. Hatha significa letteralmente “forte” o “testardo” riferendosi ai primi indiani che credevano che la sua pratica fosse impegnativa e, forzandola, fu raggiunta la liberazione spirituale.

La purificazione del corpo e della mente sono essenziali anche per essere sani. Essere e mantenersi in salute è un obiettivo centrale nello yoga perché solo allora possederete il veicolo migliore per il vostro ulteriore sviluppo spirituale.

Ritratto Swami Sivananda Swami Sivananda ha semplificato l’Hatha Yoga

Nell’India preindipendente, la pratica dello yoga asana era vista solo come pratica per asceti e monaci. Nel 1936, Swami Sivananda voleva rendere la pratica dell’Hatha Yoga più accessibile alle persone comuni. In modo che possano migliorare la loro salute fisica e mentale. Swami Sivananda ha coniato l’idea di cinque pratiche di yoga senza spiegare l’aspetto filosofico dello yoga. Insieme, questi punti ci guidano verso uno stile di vita equilibrato e yogico:

  1. Esercizio corretto : un corpo sano è necessario per l’equilibrio nella mente. Asana o la pratica dello yoga pone con fermezza e facilità, è un modo adatto per lavorare su forza, resistenza e flessibilità. Mentre pratichiamo secondo i principi antichi, simultaneamente (ri) bilanciamo anche il sistema nervoso.
  2. Respirazione corretta: la mente può essere controllata attraverso la respirazione consapevole. Pertanto, la pratica dello yoga comprende una vasta gamma di tecniche di respirazione . Quando padroneggiato, il respiro è pieno e senza sforzo.
  3. Rilassamento corretto : è importante rilassare regolarmente il corpo, consentendogli di ripristinare dallo sforzo. Il rilassamento non include solo il corpo, ma anche i sensi.
  4. Dieta corretta : un’alimentazione sana è necessaria per fornire energia al corpo e alla mente. Dovrebbe essere abbastanza, ma non inquietante o dannoso. La dieta yogica è prevalentemente vegetariana, in quanto può essere prodotta senza inutili violenze.
  5. Pensiero positivo e meditazione : il modo in cui pensiamo influenza il nostro stato d’animo. Pertanto, la pratica del pensiero positivo e della meditazione è molto importante per coltivare l’equilibrio nella mente.

Linee guida per la tua pratica olistica di Hatha Yoga

Come puoi tradurre questi principi nella tua pratica delle asana Hatha Yoga e ottenere i massimi benefici da questa antica scienza? Uno dei principi principali (e oggi purtroppo spesso dimenticati) è il principio di sthira sukham asanam. Questa definizione di asana afferma che un’asana è una posa in cui si prova comfort e stabilità in ogni posa.

Ci viene spesso detto, nelle nostre pratiche moderne, che gli asana devono essere praticati con un obiettivo in mente. Ci viene detto che dobbiamo essere più profondi in una postura o che dobbiamo perfezionare le nostre posizioni di equilibrio. Ma quando comprendiamo l’antica scienza dell’Hatha Yoga capiamo che dobbiamo tornare alla più elementare di tutte le istruzioni yoga “S thira sukham asanam ” o “asana è una posa stabile e confortevole”.

Questa frase apparentemente semplice non riguarda solo il modo in cui dovremmo praticare le nostre asana, ma anche il modo in cui possiamo muoverci attraverso la vita. Dobbiamo essere fermi nelle nostre intenzioni, sia nella nostra pratica che nella nostra vita, e dobbiamo essere a nostro agio con chi siamo. Questo potrebbe essere il dono più grande che lo yoga ha da offrire al mondo proprio ora: la possibilità di stare comodamente in pace con chi siamo e il nostro posto nel mondo. È solo da questo luogo di accettazione che possono crescere l’equanimità e la compassione.

Per ottenere conforto e facilità in una posa, è importante adattare la tua pratica alle tue abilità. In termini di resistenza, ciò significa che è possibile aumentare il carico passo dopo passo. Lo stesso vale per la flessibilità. Pertanto, ogni posa consiste in diversi passaggi e opzioni. Quando puoi mantenere una posa per un periodo di tempo più lungo, puoi procedere a una durata più lunga o al livello di difficoltà successivo. Questo rende Hatha Yoga un graduale processo di trasformazione.

Il principio di non violenza (ahimsa)

Anche i principi filosofici degli Yama: ahimsa, o non violenza, si riflettono magnificamente in un modo così trasformativo di praticare. Dovresti esercitarti in modo tale da non farti del male. Invece di concentrarti sulla forma e forzare il tuo corpo nella posa, è meglio notare dove il tuo corpo è ancora sufficientemente a suo agio. Praticare a lungo termine, con pazienza, può arrivare al punto in cui ti senti a tuo agio in una posa più avanzata. Ma ricorda: questa posa avanzata non è l’obiettivo!

In conclusione, contrariamente all’immagine dello yoga che domina oggi, lo yoga non riguarda solo le pose. Le sue radici si trovano nella filosofia antica, che si concentra sull’autorealizzazione. Se praticato di conseguenza, lo yoga dovrebbe portare all’equilibrio mentale, fisico e spirituale. In definitiva, Hatha Yoga è una disciplina che mira a coltivare intuizioni sul vero Sé.

risorse

[1] https://en.wikipedia.org/wiki/Hatha_yoga

[2] https://www.academia.edu/25569049/Let_the_S%C4%81dhus_Talk._Ascetic_practitioners_of_yoga_in_northern_India

Circa l’autore

Ram Jain - Arhanta Yoga

Ram è Direttore fondatore dell’Arhanta Yoga Ashrams India e Paesi Bassi. Negli ultimi 10 anni, gli Ashram di Arhanta Yoga sono diventati famosi a livello internazionale per i loro corsi di formazione professionale per insegnanti di yoga in India e in Europa, e fino ad oggi hanno formato oltre 4000 insegnanti di yoga provenienti da tutto il mondo. Ram è l’insegnante principale del corso di formazione per insegnanti di yoga di 200 ore in India e nei Paesi Bassi e l’autore dell’ampio libro: Hatha Yoga per insegnanti e professionisti – Una guida completa per il sequenziamento olistico .

Subscribe now to receive our series of short e-books

Our E-books

Subscribe to our mailing list and receive a series of short e-books