Insegnare Lo Yoga Prenatale: Cosa C’è Da Sapere

L’insegnamento dello yoga prenatale richiede un mix di tecniche specifiche di asana, pranayama ed esercizi di rilassamento, concepiti per condurre la donna incinta a una fase di equilibrio mentale, consapevolezza di sé e forza fisica.

Yoga significa unione dentro di noi. In gravidanza, il concetto di unione e legame si estende alla vita che cresce dentro la madre, quindi all’anima del bambino.

Lo yoga è per tutti e quando si insegna alle donne incinte bisogna sempre tenere presente che la gravidanza può essere un momento molto rischioso per alcune donne che soffrono di condizioni particolari, mentre è un momento molto speciale per tutte.

Non è necessario aver vissuto in prima persona una gravidanza per insegnare lo Yoga in Gravidanza. È necessaria una conoscenza pratica e specifica del corpo femminile e dei cambiamenti e problemi che esso affronta in ogni fase della gravidanza.

Allo stesso tempo, è importante ricordare che non si insegna lo yoga a persone con problemi fisici dovuti alla malattia. Nella maggior parte dei casi, una donna incinta non è malata. Le donne che vengono al vostro corso sono alla ricerca di un equilibrio che le aiuti ad accettare la loro nuova condizione e i cambiamenti che avvengono nel loro corpo e nella loro mente. Per questo motivo, il rilassamento e le pause di riposo tra le asana sono fondamentali. Ma non vogliamo nemmeno trattare le donne con i guanti. Durante le lezioni proponiamo delle sfide, che vengono sempre adattate in base alle capacità e alle condizioni della singola donna.

Come regola generale, potete ammettere qualsiasi donna incinta sana a partecipare alla vostra lezione. Siate tuttavia cauti con le donne che hanno ricevuto trattamenti medici speciali, che devono riposare molto e che hanno condizioni fisiche particolari che vanno oltre le vostre competenze. In questi casi, è meglio suggerire loro di non partecipare alle lezioni di yoga in gravidanza.

La differenza tra insegnare a uno studente di yoga normale e a uno studente di yoga in gravidanza

Secondo la mia esperienza, le future mamme che frequentano i corsi di yoga prenatale sono molto attente e concentrate. Hanno un grande senso di scopo superiore: il benessere del loro bambino. Ho visto che sono molto regolari nella frequenza, molto coinvolte e curiose in classe e che eseguono molto diligentemente i compiti a casa.

In una lezione di yoga prenatale, ci sono aspetti fisici da tenere sempre presenti, come le posizioni da evitare che possono essere inadatte e, a volte, persino dannose per le donne in gravidanza.

Cosa evitare quando si insegna Yoga Prenatale?

  • Le torsioni devono essere evitate o sostituite con variazioni di torsione molto delicate.
  • Si deve evitare qualsiasi posizione che possa causare pressione sulla pancia.
  • Evitare asana di equilibrio che potrebbero mettere le madri in una situazione instabile e non sicura. In anni di esperienza, per insegnare in modo sicuro, ho iniziato a usare spesso il muro come supporto per scaricare il peso e permettere alle madri di non affaticarsi troppo.

Su cosa concentrarsi durante la lezione di yoga in gravidanza?

  • Concentratevi sulle asana che lavorano sull’apertura del pavimento pelvico in preparazione al parto.
  • Lavorate sull’apertura della catena dorsale alta, perché le mamme tendono a chiudere le spalle a causa del maggior peso del seno.
  • Stimolare l’allungamento della colonna vertebrale e insegnare variazioni che aiutino a creare spazio per il pancione e il bambino; verificare sempre che non ci siano situazioni che possano creare disagio.

È importante ricordarlo e ricordarlo ai vostri studenti: Lo scopo dello Yoga Prenatale non è imparare a praticare lo yoga, ma rendere la pratica giusta e accessibile nel momento presente. Adattiamo lo yoga tradizionale al momento della gravidanza e quindi lo rendiamo specifico per il benessere psicofisico della madre.

Come varia l’insegnamento dello Yoga in Gravidanza da un trimestre all’altro?

I tre trimestri richiedono un approccio particolare e differenziato: In generale, le asana di compressione della pancia e le torsioni sono da evitare, mentre il rilassamento iniziale e finale diventano sempre più importanti. È necessario concentrarsi sul superamento della paura e sull’accettazione. Come insegnante, dovete ascoltare attentamente ciò che le future mamme vi dicono, e ogni segno di malessere e disagio in qualsiasi asana deve portare a variazioni e cambiamenti.

Durante il primo trimestre, molte donne si sentono normali e hanno un aspetto normale. Pensano anche di poter affrontare ogni asana, ma non dovrebbero. L’attenzione deve spostarsi sulla respirazione, sulla visualizzazione, sulla consapevolezza del proprio corpo e sulle posizioni dolci.

Il secondo trimestre è il momento migliore perché le madri si sentono meglio fisicamente. Le mamme nel secondo trimestre hanno più energia e meno timori per la salute del bambino. Le mamme iniziano a preoccuparsi del peso che stanno aumentando e della pancia che cresce e impedisce loro i movimenti abituali. In questa fase, le variazioni delle asana sono fondamentali per creare spazio agli organi della madre e al corpo del bambino in via di sviluppo. Siate sempre chiare nelle spiegazioni dei cambiamenti che avvengono nel corpo della madre e del bambino e fate sempre attenzione ai livelli di stanchezza delle madri.

Durante il terzo trimestre, l’attenzione principale diventa il rilassamento del corpo, le visualizzazioni del parto e il fatto che ormai il momento in cui mamma e bambino si conosceranno arriverà presto. Tutte le asana devono tendere alla creazione di spazio e apertura.

Posture impegnative per le donne in gravidanza

Ogni donna è diversa, ognuno è diverso e le esperienze di ognuno sono diverse. Nelle lezioni di yoga prenatale è necessario assicurarsi di conoscere bene ogni donna per poter offrire supporto e variazioni.

Quando ci si trova di fronte a situazioni specifiche, si possono offrire lezioni private in cui adattare tutto alla singola circostanza. Dovete sapere come adattare le pose e gli esercizi per renderli meno intensi. Il vostro obiettivo come insegnanti di yoga prenatale è quello di promuovere la sensazione di leggerezza, di sviluppare modelli di respirazione più sani e di guidare le mamme a sperimentare la meditazione, le visualizzazioni e le tecniche di respirazione.

Ogni giorno è un giorno diverso, con i suoi cambiamenti e le sue esigenze specifiche che dipendono non solo dal corpo che si adatta, ma anche da fattori esterni come il susseguirsi delle stagioni, ad esempio.

Le parti del corpo che necessitano di maggiore attenzione durante le lezioni di Yoga Prenatale

Durante la gravidanza, le donne accusano spesso disturbi allo stomaco, acidità e dolori alla parte bassa della schiena, nonché problemi generali di postura causati dallo spostamento del centro di equilibrio e dal peso aggiuntivo che devono portare.

È necessario concentrare la pratica sull’area pelvica e sui fianchi e sui problemi di incontinenza e costipazione che le donne in gravidanza devono spesso affrontare.

La crescita della pancia e del seno provoca problemi anche nella fase del riposo e del sonno, disturbati dalla crescente difficoltà di trovare una posizione comoda e dalle preoccupazioni per l’imminente arrivo del bambino.

Oggetti di scena per l’insegnamento dello yoga prenatale

Prima di iniziare la lezione, assicuratevi di avere i seguenti supporti necessari, per ogni studente:

  • 2 supporti (cuscino o bolster)
  • 1 cintura
  • 1 sedia senza braccioli
  • 2 mattoni
  • 1 coperta

I pesi sono facoltativi ma altamente raccomandati; quelli riempiti di sabbia vanno bene. È importante anche avere del materiale illustrativo che si riferisca all’anatomia e ai cambiamenti che avvengono e avverranno nel corpo della mamma e del suo bambino in crescita.

Compreso il bambino

Ricordate sempre che quando insegnate yoga in gravidanza, il vostro pubblico è almeno il doppio di quello che vedete davanti a voi. Il bambino che cresce sente la vostra voce e ne è influenzato, così come è influenzato dalle sensazioni e dai movimenti della madre. Dovete essere in grado di guidare le donne ad accettare i cambiamenti che avvengono nel loro corpo e a seguire con loro la crescita del bambino.

L’obiettivo dello yoga prenatale

Lo scopo dello yoga in gravidanza è quello di portare la madre alla consapevolezza del proprio corpo e dei cambiamenti che avvengono. L’obiettivo è anche quello di insegnare a rilassarsi e ad ascoltare senza paura, a trovare il tempo per accettare i cambiamenti e a concedersi il tempo di vivere questi nove mesi seguendo il proprio ritmo e quello del bambino.

Un altro scopo dello yoga in gravidanza è quello di creare spazio e insegnare alle madri a connettersi con la propria saggezza interiore e ad accettare e fidarsi del normale corso della natura; in questo modo sapranno fidarsi del proprio istinto e saranno in grado di fare con calma le scelte giuste per sé e per il proprio bambino.

L’importanza di sentirsi tranquilli

Viviamo in una società molto veloce, piena di richieste e di doveri. Lo yoga dà alla madre il tempo che merita per godersi la creazione della vita in cui il suo corpo è impegnato.

Sentire la calma aiuterà le madri a concentrarsi profondamente, a lasciar andare le tensioni, ad affrontare la paura del cambiamento e il dubbio, a ridurre l’ansia, a prendersi cura del corpo e della mente. Sentire la calma abbassa la frequenza cardiaca e aumenta l’intuizione, ci mette in contatto con il nostro subconscio, migliora le connessioni emotive con noi stessi e con gli altri.

Sostenere la donna a sentirsi forte e a sviluppare la fiducia nel proprio corpo.

Lo yoga porta calma, forza ed equilibrio nell’avventura della gravidanza e il corso adotta posizioni yoga per soddisfare ogni fase della gravidanza. In questo modo, le madri sviluppano il coraggio, la forza e la decisione di affrontare il parto e il travaglio. Le madri prendono l’iniziativa di non subire passivamente il parto, ma di prenderne il controllo e di diventarne parte attiva.

Lavorare per migliorare la consapevolezza e la forza del corpo

Il livello di energia delle madri cambia di giorno in giorno. Con lo Yoga Prenatale una donna incinta impara ad ascoltarsi, a praticare in modo sicuro e a scegliere una pratica morbida piuttosto che intensa, se e quando necessario.

L’importante ruolo della respirazione

È molto importante che la madre capisca che deve prendersi cura di sé e creare una nuova abitudine positiva per quanto riguarda la postura, gli esercizi e la respirazione. Più la madre respira bene, più il bambino sarà in salute: con molto ossigeno e sostanze nutritive, il bambino crescerà sano e forte. Lo stesso vale per le madri, che devono ricevere ossigeno ed energia a sufficienza attraverso esercizi di respirazione e pranayama per vivere una gravidanza vitale e serena.

Proporre alle madri esercizi di respirazione da praticare quotidianamente a casa. Ricordate che nello yoga in gravidanza non si usano in alcun modo le trattenute del respiro.

Il risultato: Insegnare lo yoga in gravidanza

Insegnare Yoga Prenatale è molto gratificante. Si aiutano le madri a superare uno dei periodi più impegnativi e belli della loro vita. Per me è un immenso privilegio poterle assistere e prendermi cura di loro durante la gravidanza e oltre. Dopo il parto, le mamme possono continuare a frequentare le lezioni di yoga prenatale per circa 3 mesi (6 mesi se hanno avuto un parto difficile, ad esempio un cesareo). Dopo questo periodo possono tornare a frequentare i corsi regolari.