Come Insegnare Il Vinyasa Yoga Per Tutti I Livelli: Guida Essenziale

Insegnare il Vinyasa Yoga non è facile. Anzi, è più impegnativo dello Hatha Yoga o dello Yin Yoga. Perché insegnare il Vinyasa Yoga è impegnativo? Le lezioni di Vinyasa Flow sono pratiche dinamiche in cui ci muoviamo continuamente da una posa all’altra. La maggior parte delle posizioni viene mantenuta per pochi respiri prima di passare alla posizione successiva. Come insegnanti, dovete essere fluenti nell’insegnamento e allo stesso tempo rapidi nel rilevare e correggere verbalmente o manualmente eventuali disallineamenti. Ci sono sei sfide principali e quindi sei preziosi consigli su come insegnare il Vinyasa Yoga per tutti i livelli. Continuate a leggere per scoprire come padroneggiarli e diventare un insegnante di Vinyasa Yoga esperto.

Come gestire sei sfide comuni nell’insegnamento del Vinyasa Yoga

1. Sii un insegnante, non un istruttore – Scendi dal tuo tappetino!

È facile confondere il ruolo dell’insegnante con quello dell’istruttore. L’istruttore è colui che si limita a fornire o spiegare le istruzioni su come eseguire un asana o un esercizio. Nella maggior parte dei casi, l’istruttore sta in piedi di fronte, durante la maggior parte della lezione, e dimostra le asana che gli studenti devono seguire. Un istruttore si preoccupa maggiormente di cosa fare e come farlo e seguirà uno schema, una sequenza o delle istruzioni prestabilite. Un insegnante di yoga, invece, si preoccupa di aiutare ogni studente a raggiungere gli obiettivi che si è prefissato venendo alla lezione di yoga. Un insegnante di yoga gira per la classe osservando, aiutando, correggendo e regolando gli studenti. Dovete scegliere chiaramente chi volete essere.

Naturalmente è possibile semplificare le cose, e molti insegnanti lo fanno, soprattutto quando insegnano corsi di Vinyasa Yoga. Si stendono semplicemente il loro tappetino davanti all’aula e praticano insieme a loro. In tempi di corsi online, questo è comune e spesso è l’unico modo di insegnare yoga. Ma nelle classi dal vivo, si può fornire molto più valore rispetto alla semplice dimostrazione e alla guida della classe dal proprio tappetino.

Per questo motivo, addestriamo i nostri insegnanti a insegnare lontano dal proprio tappetino. Come insegnanti, potete assistere e aiutare veramente i vostri studenti solo se camminate e adattate le vostre istruzioni e la vostra sequenza alle esigenze e alle capacità dei vostri studenti.

2. Mettere in pratica ciò che si insegna – Prima della lezione

Come già detto al punto precedente, un insegnante non usa la sua classe per praticare le proprie asana. Testate le sequenze della classe su voi stessi e praticateleprima diinsegnare. Questo vi aiuterà a individuare eventuali transizioni illogiche o troppo impegnative e vi aiuterà a ricordare la sequenza quando insegnate. Più siete insegnanti esperti, meno sono necessari questi cicli di pratica. Ma soprattutto quando introducete una sequenza, una posa o una transizione che non praticate da tempo, assicuratevi di includerla nella vostra pratica personale.

3. Scomporre, poi costruire

In qualità di insegnanti, è vostra responsabilità assicurare un flusso e un accumulo che garantiscano agli studenti di non subire sforzi o lesioni. Per esempio, il Surya Namaskara A all’inizio della lezione: Molti insegnanti commettono l’errore di “buttarsi a capofitto” fin dall’inizio. Questo può facilmente portare a lesioni comuni dello yoga, come lo strappo del tendine del ginocchio o l’infiammazione della cuffia dei rotatori.

Un insegnante esperto inizia invece la lezione con alcuni esercizi di stabilizzazione e mobilizzazione che preparano il corpo. Da lì, l’insegnante esperto di Vinyasa Yoga costruisce i Saluti al Sole attraverso un flusso di Surya Namaskara A adattato (noi lo chiamiamo Easy Surya Namaskara A). Quindi, invece di iniziare con la versione tradizionale dei Saluti al Sole, è una buona pratica scomporli in parti più semplici per poi ricostruirli. Indipendentemente dal livello dei vostri studenti, vi consiglio sempre di iniziare con 3-4 Easy Surya Namaskara A prima di praticare la tradizionale e vigorosa versione “completa”.

Allo stesso modo, permettete a voi stessi e ai vostri studenti diinterromperea volteil flussoe di fare una breve posa o un “workshop” di transizione. Quindi, di tanto in tanto, interrompete il flusso costante del movimento per spiegare importanti indicazioni sull’allineamento e sulla consapevolezza posturale. Ricordate che il vostro compito di insegnanti è quello di assicurarvi che gli studenti non si sovraccarichino e continuino ad ascoltare il proprio corpo.

Scomporre e costruire si riferisce anche all’offerta di versioni più semplici delle poseprimadi mostrare allo studente (se applicabile) come sfidarsi ulteriormente nella posa “completa“.

Un esempio eccellente è l’Extended-Side Plank (Utthita Parshvakonasana). L’espressione finale della posizione richiede adduttori e tendini del ginocchio aperti e un buon senso dell’equilibrio. Molti studenti possono esagerare e sentire dolore alle ginocchia se cercano di “saltare” nella posizione completa.

Se proponete prima la posa completa e poi dite che se non ci riuscite potete fare la versione più facile, molti studenti (l’orgoglio è una cosa volubile) vorranno dimostrare che non hanno bisogno della versione “più facile”. Pertanto, consiglio di prendere l’abitudine di mostrare prima la versione più sicura e di dare occasionalmente la possibilità di scegliere la versione “completa”, più impegnativa.

Rispettate l’individualità dei vostri studenti e cercate di aiutarli con umiltà a raggiungere i loro obiettivi. Come insegnanti, è essenziale astenersi dall’avere aspettative su ciò che i nostri studenti potrebbero o dovrebbero fare. È molto importante, soprattutto nelle lezioni di Vinyasa Yoga che spesso sono un po’ più impegnative e yang rispetto ad altri stili di yoga, riconoscere e incoraggiare i nostri studenti come individui unici che sono.

4. Non parlare troppo (non si tratta di te!)

In una classe di Vinyasa Yoga dal ritmo relativamente veloce, le continue istruzioni dell’insegnante possono iniziare a sembrare opprimenti per gli studenti. Limitate le istruzioni allo stretto necessario e lasciate spazio al silenzio. Soprattutto gli insegnanti di yoga principianti hanno difficoltà con il silenzio ed è un riflesso molto naturale quello di voler riempire i silenzi con discorsi ben intenzionati ma non necessari. Se vi allenate a rilassarvi nei momenti di silenzio, i vostri studenti si divertiranno molto di più.

Allo stesso modo, ricordate che la lezione è incentrata sull’esperienza dello studente. Una lezione di yoga non riguarda voi, l’insegnante. Insegnare – al contrario di istruire – significa mettere al primo posto gli interessi degli studenti.

Una lezione di yoga non è un’esibizione, una gara di bellezza o una vetrina della propria pratica. Quanto più vi dimenticherete della vostra voce, del vostro abbigliamento, della vostra presentazione e della vostra performance come insegnanti, tanto meglio servirete i vostri studenti.

5. Includere un adeguato raffreddamento e un rilassamento finale

Soprattutto quando si insegna un corso di Vinyasa Flow, progettato per sfidare la resistenza degli studenti e per farli lavorare su tutto il corpo e sul sistema cardiovascolare, molti insegnanti si impegnano al massimo dall’inizio alla fine.

Tenete presente, però, che questa potrebbe essere l’unica lezione che alcuni dei vostri studenti frequentano durante l’intera settimana. E dovrebbero lasciare la lezione rinvigoriti, ma anche rilassati e nutriti, piuttosto che svuotati, con un enorme dolore muscolare che li aspetta il giorno dopo. Questa lezione settimanale è un’ora preziosa in cui i vostri studenti possono prendersi una pausa dal lavoro e dalla vita quotidiana e dedicarsi a se stessi. Come potete garantire che i vostri studenti lascino la lezione fieri di sé e nutriti per affrontare i loro compiti quotidiani con energia positiva? Oltre ai punti precedenti, un adeguato raffreddamento e un rilassamento finale di almeno 5-10 minuti sono la risposta.

6. Come insegnare una classe di Vinyasa Yoga completa?

Non esiste un fondatore ufficiale delVinyasa Yoga, ma è nato dalla tradizione dell’Ashtanga Vinyasa Yoga, sviluppata da Patthabi Jois. Nella pratica dell’Ashtanga Vinyasa Yoga, il respiro è coordinato con il movimento. L’Ashtanga Vinyasa Yoga è la fonte della maggior parte delle pratiche di vinyasa, power e flow yoga oggi diffuse in Occidente.

Il moderno Vinyasa Flow Yoga (noto anche come Power Yoga e Flow Yoga) è meglio descritto come Freestyle Ashtanga Vinyasa, poiché non aderisce alla rigida struttura dell’Ashtanga Vinyasa definita da K. Pattabhi Jois.

Molti corsi di Vinyasa Flow seguono la struttura di base della serie primaria dell’Ashtanga, iniziando con Surya Namaskara A e B ma proponendo poi sequenze diverse. Molti corsi seguono anche la sequenza di base in piedi della tradizione Ashtanga e la sequenza di arrivo. Non ci sono serie fisse di pose. Ogni lezione può essere diversa. Il principio di base del Vinyasa Yoga (in contrapposizione all’Ashtanga Vinyasa Yoga) permette di esplorare un programma di pose che cambia. È possibile esplorare le posizioni della prima, seconda e terza serie dell’Ashtanga in modo più accessibile rispetto alla pratica in serie.

In pratica, esistono tante versioni, sequenze e definizioni quanti sono gli insegnanti.

Tenendo a mente tutti i principi che, secondo me, sono essenziali per insegnare lezioni di Vinyasa Yoga per tutti i livelli, vorrei condividere con voi uno schema di classe che mi è servito molto bene. A mio parere, si tratta di una struttura che copre tutti gli elementi essenziali e che fa sì che i vostri studenti tornino ogni settimana:

Modello base di Vinyasa Flow Yoga per tutti i livelli (75 min.):

  1. Rilassamento iniziale (2-3 minuti prima dell’inizio della lezione)
  2. Meditazione seduta o in piedi o concentrazione sul respiro | 5 min.
  3. Esercizi iniziali di riscaldamento, ad esempio gatto-cavallo, cerchi delle braccia | 5 min.
  4. Surya Namaskara – 3 Surya Namaskara A facili, 2′ Surya Namaskara A completo | 10 min.
  5. Flusso di asana in piedi – Intrecciato a Surya Namaskara A e/o B | 15 min.
  6. Lavoro sul core seduto o supino | 3 min.
  7. Bilanciamento delle braccia (nelle classi più impegnative) | 2 min.
  8. Piegamenti proni – concentrandosi prima sul potenziamento della forza che sulla flessibilità |5 min.
  9. Torsioni da seduti o supini |3 min.
  10. Piegamenti in avanti e apertura dei fianchi – g. Piegamenti in avanti da seduti e posizione dei lacci | 5 min.
  11. Sequenza di inversioni per calmare/raffreddare – ad es. posizione delle spalle, posizione dell’aratro, posizione della testa | 7 min.
  12. Rilassamento finale guidato per 10 minuti.