Come Insegnare Il Restorative Yoga

Aggiungere il Restorative Yoga al tuo repertorio di insegnamento dello yoga può essere un ottimo modo per attrarre nuovi studenti. Ma, cosa altrettanto importante, quando inizierai a insegnare il Restorative Yoga, aiuterai i tuoi attuali studenti a sperimentare un profondo rilassamento su base regolare.

Secondo la mia esperienza, l’ora e il giorno migliori per offrire lezioni di Restorative Yoga nel tuo studio è il venerdì sera. La settimana lavorativa è terminata e gli studenti sentono un grande bisogno di lasciar andare la settimana e liberarsi prima del fine settimana. Il sabato pomeriggio è spesso riservato alle faccende domestiche e al giardino e la domenica la gente (mentalmente) inizia a prepararsi di nuovo per il lunedì.

Ecco alcune idee per promuovere le lezioni di Restorative Yoga: 

  • Introduci una posa di restorative alla fine delle tue lezioni regolari.
  • Organizza uno speciale workshop dal vivo o online durante il fine settimana, per introdurre i tuoi studenti a questo nuovo stile nel tuo studio.

Suggerimenti Su Come Insegnare Il Restorative Yoga 

1. Rilassati Prima

Il modo migliore per iniziare è con un rilassamento di almeno 15 minuti per le classi di 1 ora. Nel caso di una classe più breve, inizia con un rilassamento di almeno cinque minuti.

2.  Avere Un Obiettivo

Definisci l’obiettivo della classe per costruire la sequenza che vuoi usare. Definisci l’argomento di ogni classe e comunicalo chiaramente ai tuoi studenti.

Gli Argomenti Per Le Tue Classi Di Restorative Yoga Possono Essere:

  • Sequenza anti-stress e fibromialgia
  • Sequenza di riduzione dell’ansia e dell’agitazione
  • Sequenza di esaurimento
  • Sequenza di rimozione dell’acidità di stomaco
  • Sequenza anti mal di testa
  • Sequenza per combattere la sindrome dell’intestino pigro
  • Sequenza per PMS e menopausa
  • Sequenza per la fertilità
  • Sequenza per ridurre lo stress post-traumatico
  • Sequenza anti-insonnia
  • Sequenza per stimolare il sistema respiratorio

Ricordate che non è necessario coprire tutte le asana, ogni sequenza ha un obiettivo da raggiungere, basta concentrarsi su quello. Inoltre, ricordate che il principio del tempo di mantenimento deve essere adattato a seconda dell’obiettivo e della frequenza delle lezioni.

3.  Fare Attenzione Alle Transizioni

Quando si insegna Restorative Yoga, è importante prestare grande attenzione alla transizione da una posa all’altra. Le transizioni richiedono più tempo che nelle classi tradizionali e dovrebbero sentirsi organiche e delicate.

4.  Ricorda Loro Di Lasciarsi Andare

Assicurati che i tuoi studenti possano rilassarsi sugli appoggi, che non lottino con essi. Come avrai notato con te stesso, non è così facile lasciarsi andare. Questo vale anche per la pratica dello yoga; la maggior parte delle persone trova difficile abbandonarsi completamente e rilassare il proprio corpo contro i supporti. Questo è il motivo per cui è importante guidare verbalmente gli studenti ad abbandonare il corpo.

5.  Non Saltare Il Rilassamento Finale

Il modo migliore per finire una classe è con un rilassamento guidato di almeno 5-10 minuti.

Come Mantenere I Tuoi Studenti Al Sicuro Durante Le Lezioni Di Restorative Yoga

Tenere a mente come guidare i tuoi studenti ti permetterà di essere un professionista corretto e di rispettare ogni situazione fisica e mentale.

Quando insegni Restorative Yoga, ti consiglio di tenere a mente i seguenti punti. Alcuni di questi punti li ho imparati nei miei più di 10 anni di insegnamento dello yoga e altri punti sono perle di saggezza che ho ricevuto dai miei insegnanti:

  1. Ricorda sempre ai tuoi studenti di consultare un medico prima di iniziare lo yoga. La pratica dello yoga non sostituisce il parere di un medico.
  2. Ricorda ai tuoi studenti che anche se certe posizioni sembrano molto dolci e facili da eseguire, sono comunque molto efficaci e profonde.
  3. Avvertite gli studenti di dire immediatamente all’insegnante se sentono dolore al collo perché è la parte più delicata del corpo.
  4. Gli studenti con problemi di cuore, infezioni in corso, glaucoma, problemi agli occhi, in generale, dovrebbero evitare le posture invertite.
  5. Gli studenti che hanno le mestruazioni non dovrebbero tenere le posizioni proni troppo a lungo e dovrebbero evitare di fare troppa pressione sulla pancia. Dovrebbero anche diminuire il tempo di mantenimento durante le torsioni.
  6. Gli studenti non dovrebbero guidare la macchina subito dopo aver praticato il Restorative Yoga. Consiglia agli studenti di prendersi almeno 10 minuti per assicurarsi di essere svegli e vigili.
  7. Ricorda ai tuoi studenti di praticare con il giusto atteggiamento e di allenare la loro mente a rimanere nel momento presente – questo diminuirà drasticamente il rischio di farsi male. Quando non ci connettiamo con noi stessi spesso entriamo e usciamo dalle posizioni yoga nel modo sbagliato.

Insegnare Restorative Yoga – Emozioni In Classe

Una domanda importante su cui vorrei che tu riflettessi per un momento è “Cosa viene prima, le emozioni o i pensieri? Cosa genera cosa?

Attraverso i miei studi di PNL e di Life/Sport coach, ho capito che siamo davvero ciò che pensiamo. Questo si adatta perfettamente alla tradizionale filosofia yogica del controllo della mente = controllo del corpo = controllo della vita, un cerchio che può essere letto anche al contrario.

Ma come possiamo identificarci con i pensieri quando questi creano emozioni e stati d’animo? Come possiamo creare la vita dei nostri sogni senza identificarci con ciò che non siamo?

Il Restorative Yoga ci aiuta efficacemente a staccarci dalla falsa percezione e dal condizionamento di noi stessi. Ci riesce perché nei momenti di rilassamento guidiamo i nostri studenti fino a che si dissociano dalle loro emozioni e le accettano come parte di loro (ma non come loro essenza).

Questa introduzione è utile per prepararti come insegnante a possibili scoppi emotivi durante le lezioni di Restorative Yoga. Sii pronto ad affrontare, con occhi distaccati e non giudicanti

  • lacrime e pianti,
  • rabbia alla fine della pratica,
  • incapacità di stare fermi,
  • prurito dovuto al nervosismo, e o
  • qualsiasi segnale di emozioni sbloccate che vengono in superficie durante la pratica.

I rilasci emotivi durante le lezioni di Restorative Yoga sono normali e sono da aspettarsi. Ci sono due ragioni per cui gli studenti sperimentano tali rilasci emotivi:

Rilascio Muscolare

La prima ragione è il rilascio muscolare. Molto spesso, la tensione muscolare contiene emozioni represse e quando sciogliamo i muscoli e i tessuti, queste sensazioni salgono in superficie. Uno dei miei più grandi insegnanti mi disse che il processo di pulizia dello yoga assomiglia a un bicchiere con della sabbia sul fondo: l’acqua sembra pulita, ma se scuotiamo il bicchiere, la sabbia intorbida l’acqua. Lo yoga sposta questa sabbia dimenticata sul fondo, la trasporta fuori dal bicchiere e rende l’acqua veramente chiara.

Rilascio Dello Stress

In uno stato di stress, di solito tratteniamo le emozioni dentro di noi. Quando ci rilassiamo, lo stress viene rilasciato. Quando lo stress viene rilasciato, ci permettiamo di sentire, ascoltare ed elaborare situazioni, reazioni ed emozioni. Quando ci rilassiamo, la nostra percezione cambia, e invece di concentrarci sulla reazione, cominciamo a realizzare e analizzare.

Come Insegnare Il Restorative Yoga Per Una Vita Impegnata

Per le persone che sperimentano molto stress e richieste nella loro vita quotidiana, una classe di Restorative Yoga alla settimana non è sufficiente. Pertanto, incoraggiamo gli studenti a includere una (breve) pratica quotidiana a casa o al lavoro.

Il nostro obiettivo come insegnanti di Restorative Yoga è quello di insegnare ai nostri studenti come essere presenti nell’adesso, nel presente. Raccomando di portare l’attenzione degli studenti sul respiro perché la respirazione stimola consapevolmente il sistema linfatico, aiuta a rilassare i muscoli e gli organi interni, e mantiene gli studenti nel presente. Portare l’attenzione al respiro significa tenere la mente al guinzaglio.

L’importanza di rallentare anche per un breve periodo è un principio che si dovrebbe sottolineare fin dall’inizio. Questo va di pari passo con la rieducazione dei tuoi studenti all’arte del non fare nulla.

La prima e più importante cosa che dovresti insegnare ai tuoi studenti di Restorative Yoga, è una semplice posa di rilassamento per la vita quotidiana. Dovresti spiegare ai tuoi studenti come recuperare energia con un rapido riposo al lavoro, alla scrivania, o usando una sedia.

Per motivare i tuoi studenti, ti suggerisco di creare alcuni mini video di cinque minuti per loro. Possono seguire un breve video di Restorative Yoga, o una registrazione audio se preferisci, al lavoro o a casa. Diventeranno fedeli alla pratica del Restorative Yoga per sempre.

Domande Frequenti Degli Studenti Di Restorative Yoga 

Di seguito troverai alcune delle domande più comuni poste di solito dagli studenti. Quando insegni Restorative Yoga, sosterrai attivamente la pratica domestica dei tuoi studenti. Perciò essi hanno spesso molte domande a riguardo.

Per Quanto Tempo Dovrei Praticare, Non Ho Tempo

Questa è una delle domande più comuni perché quando siamo stressati, pensiamo di non avere tempo, e spesso rimaniamo bloccati in questioni inutili o superflue. Quando siamo in uno stato alterato, non riusciamo a distinguere le priorità. Vi consiglio di spiegare ai vostri studenti che è naturale sentirsi così, ma che se vogliono davvero iniziare a sentirsi bene, devono iniziare a portare buone abitudini nella loro vita. Un esercizio pratico che do ai miei studenti è il seguente; forse sarà utile anche a voi.

Esercizio

  • Da domani mettete la sveglia cinque minuti prima del solito e dedicatela ad un piccolo esercizio di respirazione che avete imparato in classe. Pratica questo per una settimana.
  • Dalla seconda settimana in poi, metti la sveglia 10 minuti prima del solito. Al tuo esercizio di respirazione della settimana precedente aggiungi una posizione di Restorative Yoga che ti è piaciuta molto. Pratica per una settimana.
  • Dalla terza settimana in poi, metti la sveglia 15 minuti prima del solito. Pratica 10 minuti, come la settimana precedente. Nei cinque minuti rimanenti scrivi un diario sui tuoi 10 minuti di pratica, sugli obiettivi che vuoi raggiungere con la tua pratica e sulle priorità della tua giornata.

Dopo questi 21 giorni, avrai l’80% di possibilità in più di aver trovato il tempo per prenderti cura di te stesso e avrai trovato la voglia e il tempo di praticare yoga regolarmente durante la settimana.

Con Quale Posa/Sequenza Devo Iniziare?

Consiglia ai tuoi studenti di iniziare con una posa al giorno combinata con un esercizio di respirazione. Se vuoi iniziare subito con una mini-sequenza, inizia con quella breve di 20 minuti.

Non Ho Spazio A Casa

Non tutti hanno la fortuna di avere uno spazio dedicato allo yoga, dove possono lasciare gli oggetti di scena e il tappetino durante la giornata. Questo però non dovrebbe essere un ostacolo alla pratica. Consiglia ai tuoi studenti di praticare sul tappeto davanti al divano (per esempio) e di usare un piccolo angolo o una scatola per riporre gli oggetti di scena e il tappetino.  L’unica condizione importante è che lo spazio sia tranquillo e ben ventilato durante il loro tempo di pratica.

Come Mi Devo Vestire?

Raccomanda un abbigliamento caldo e comodo che non ostacoli i movimenti. Non consiglio di indossare tessuti sintetici.

Quando Devo Praticare?

Anche se la mattina e la sera sono i momenti migliori per praticare, la pratica sarà benefica indipendentemente dal momento in cui viene eseguita. Al mattino aiuterà a ricaricarsi; alla fine della giornata, aiuterà a rilassarsi. E a metà giornata, vi aiuterà a prendervi una meritata (e necessaria) pausa.

Posso Mangiare Qualcosa Prima Di Praticare Il Restorative Yoga?

No, è meglio praticare a stomaco vuoto. Consiglia ai tuoi studenti di praticare almeno due ore dopo aver mangiato un pasto completo. Uno stomaco vuoto permette di respirare meglio.

Sono In Pericolo Se Lo Faccio Male?

Il Restorative Yoga è una pratica molto sicura perché usiamo gli oggetti di scena e rimaniamo ben entro i nostri limiti di mobilità. Ricorda ai tuoi studenti che devono sempre e immediatamente uscire dalla posa se sentono che qualcosa non va.

Consiglia ai tuoi studenti di mettere una sedia nelle vicinanze, li aiuterà a entrare e uscire dalle pose, specialmente se hanno bisogni speciali.

Cosa Dovrei Fare Se Sento Dolore Mentre Eseguo Una Posa?

Suggerisci di uscire dalla posa, eseguire le variazioni che hai mostrato loro, chiedere aiuto all’insegnante e tornare alla posa con le regolazioni suggerite. Se il dolore persiste, consiglia agli studenti di parlare con il loro medico.

Come Posso Tenere Traccia Del Tempo?

Usare un timer è la scelta migliore. Se possibile, non usare il telefono, perché rappresenta qualcosa che ci collega al mondo esterno e riattiva stimoli del sistema nervoso che vogliamo disattivare.

Come Posso Rimanere Concentrato

I Miei Consigli Sono: 

  • Praticare sempre nello stesso spazio (pulito e tranquillo)
  • Esercitarsi a stomaco vuoto
  • Mettere il telefono in modalità silenziosa
  • Esercitarsi in silenzio o con musica a basso volume
  • Usare un timer
  • Respirare naturalmente.