Yoga e artrite – 4 consigli su come insegnare lo yoga per il sollievo dell’artrite

Come insegnare lo yoga per il sollievo dell'artrite

Quando parliamo di yoga per l’artrite è importante prima capire cos’è esattamente l’artrite. Esistono molte diverse forme di artrite. Ciò che hanno in comune è che sono malattie infiammatorie dell’articolazione. L’artrite è caratterizzata da dolore cronico e rigidità delle articolazioni.

L’artrite non ucciderà, ma porta a anni di sofferenza e disabilità. A livello mondiale, è tra i tre principali motivi di disabilità prolungata.

In questi giorni, è una delle condizioni che sono in aumento. Uno dei motivi dell’aumento della sua prevalenza è l’aumento della durata della vita. Le persone invecchiano e quindi c’è più usura sui loro corpi. I giovani hanno meno probabilità di avere l’artrite, a meno che non sia innescato da una malattia specifica come la fibromialgia, l’artrite reumatoide, il lupus e la gotta.

Cause comuni di artrite

Alcune delle cause più comuni di dolori articolari cronici sono:

  • Artrosi – è una malattia dell’usura; la sua prevalenza aumenta con l’età. È la ragione numero uno per il dolore nelle articolazioni più grandi come un ginocchio. La condizione è irreversibile e progredisce lentamente.
  • Artrite reumatoide – è una malattia autoimmune delle articolazioni e, a differenza dell’osteoartrosi, è più probabile che colpisca le articolazioni più piccole come quelle di dita e polsi. È caratterizzato da periodi di remissione ed esacerbazione.
  • Artrite psoriasica – un’altra condizione autoimmune che colpisce le articolazioni e le strutture adiacenti.
  • Fibromialgia – è una sindrome recentemente riconosciuta caratterizzata da dolori generalizzati. È un fenomeno mal compreso, ma si pensa che i cambiamenti nel cervello e l’infiammazione cronica possano causarlo.
  • Gotta – è un’infiammazione di un’articolazione dovuta all’accumulo di acido urico.
  • Lupus – è una grave malattia sistemica autoimmune che può ridurre la durata della vita in molti. Può portare a eruzioni cutanee, malattie di più organi e dolori articolari.

L’artrite può essere curata?

L’artrite è una malattia infiammatoria e pertanto può verificarsi per numerosi motivi. E il trattamento dipenderà dal tipo di artrite con cui una persona vive.

Purtroppo, qualunque sia la causa dell’artrite, finora la medicina moderna non può curarla. Tuttavia, alcune modalità di trattamento sono universali come l’uso di farmaci antinfiammatori e terapia fisica (incluso lo yoga).

Come può aiutare lo yoga?

Lo yoga è una forma di esercizio a basso impatto. Pertanto, non danneggerà ulteriormente l’articolazione (diversamente dalla corsa, ad esempio). Le pratiche yoga per l’artrite dovrebbero comportare movimenti delicati, esercizi di respirazione e fasi di rilassamento che riducono lo stress e rafforzano il sistema immunitario.

La chiave dello yoga per l’artrite è portare più fluidità e flessibilità nelle articolazioni, allungare e alleviare le articolazioni e rafforzare i muscoli intorno alle articolazioni per dare maggiore stabilità complessiva. Movimenti lenti e controllati sono essenziali per muovere il corpo per evitare ulteriore rigidità da inattività.

Nella tradizione yoga e ayurveda ci sono molti modi per aiutare a ridurre l’infiammazione, la dieta è una delle più diffuse. È una vecchia comprensione comune indiana che ad esempio la curcuma (haldee) abbia grandi proprietà antinfiammatorie.

Che cosa dice la scienza sullo yoga per l’artrite?

Molti studi clinici hanno cercato di comprendere la rilevanza clinica dello yoga nella gestione dell’artrite. La maggior parte degli studi clinici mostra benefici, anche se in alcuni casi sono lenti o marginali. Più a lungo pratichi yoga, più significativo sarà il beneficio. Una revisione sistematica dello yoga come approccio complementare al trattamento dell’artrite condotto nel 2013 conclude che lo yoga è una modalità promettente per l’artrite.

Ha esaminato un totale di 9 interventi dal 2000 a giugno 2013, esaminando lo yoga e la sua efficacia nell’alleviare i sintomi dell’artrite. Di questi 9 interventi, 6 sono stati in grado di dimostrare effetti positivi nelle misure di esito psicologico o fisiologico relative all’artrite.

I miglioramenti nei pazienti con artrite erano correlati a dolore alla camminata, disabilità del ginocchio, intervallo di flessione del ginocchio, dolorabilità articolare, gonfiore e tempo di deambulazione. [1]

Yoga per il sollievo dell'artrite Un altro aspetto dello yoga, che potrebbe appesantire tanto quanto i miglioramenti fisiologici che possono verificarsi per un lungo periodo di tempo, è l’effetto dello yoga sullo stress, sull’umore e sul benessere mentale. Lo yoga ha dimostrato di essere utile nella gestione del dolore, poiché aiuta a ridurre lo stress, applica pensieri positivi e migliora la capacità di recupero.

Ciò significa che una persona che vive con l’artrite può tollerare meglio il dolore associato a malattie articolari. [2]

Inoltre, l’artrite è una condizione più comune tra gli adulti più anziani. Fornire terapia fisica per gli anziani è una sfida. Gli anziani non possono sempre svolgere attività fisicamente impegnative. Lo yoga ha il vantaggio di essere un esercizio meno intenso e a basso impatto che aiuta a migliorare la flessibilità, l’equilibrio, la salute mentale, la qualità del sonno e molto altro. Lo yoga è stato testato tra gli adulti più anziani che vivono con l’artrite e ha mostrato un eccellente beneficio. [3]

Conclusione

Per riassumere: lo yoga può aiutare a gestire meglio l’artrite. Può aiutare a ridurre la gravità dei sintomi e rallentare l’avanzamento della malattia. Durante periodi dolorosi acuti, si può continuare a praticare yoga insieme al trattamento farmacologico convenzionale. Lo yoga può aiutare a ridurre la dose di droghe tossiche e contribuire a migliorare la qualità della vita.

Come insegnare lo yoga ai pazienti con artrite

1.Assicurati che lo stile di gruppo e yoga sia adatto

Mentre in teoria stili di classe più fluidi come il Vinyasa Yoga potrebbero sembrare delicati sulle articolazioni, il ritmo veloce e spesso la natura abbastanza vigorosa di questa classe non consente molto tempo per alterare le pose che mettono sotto pressione articolazioni come polsi, caviglie e ginocchia.

Pertanto si raccomanda di invitare gli studenti con artrite a seguire le lezioni di Hatha Yoga, Gentle Yoga o Yin Yoga. Vedi anche se riesci a farli venire in una classe che non è troppo occupata, quindi hai tempo extra per aiutarli a trovare l’allineamento che funziona per loro.

2. Usa oggetti di scena e supporti

Sfruttate generosamente oggetti di scena e supporti. Assicurati di avere coperte o zeppe di schiuma, per sostenere i polsi o le caviglie degli studenti durante determinate pose.

Se sedersi sul pavimento è troppo difficile, offrire loro una sedia. Ed è anche importante avere alcuni blocchi di schiuma o sughero a portata di mano, da sostenere se non è possibile o doloroso raggiungere il pavimento. Si consiglia inoltre l’uso di cinghie per determinate pose che richiedono agli studenti di afferrare una parte del corpo – come un piede – che non possono raggiungere a causa del dolore e della rigidità.

3. Dagli tempo e spazio

Spesso gli studenti di yoga con artrite richiedono più tempo per entrare in una posa o devono eseguire il saluto al sole a un ritmo molto più lento rispetto al resto del gruppo. Assicurati loro verbalmente di prendersi tutto il tempo di cui hanno bisogno e di essere disponibili per le domande durante la lezione. Allo stesso tempo, assicurati di non prestare loro troppa attenzione di fronte al resto del gruppo, poiché potrebbero iniziare a sentirsi insicuri e sopraffatti. Pertanto, sii incoraggiante con un sorriso e un gentile aiuto o modifica, lascia che si muovano al loro ritmo e dai loro spazio non individuandoli di fronte al gruppo.

4. Concentrati sul respiro e sul rilassamento

Integra esercizi di respirazione calmante all’inizio della lezione come Alternate Nostril Breathing (Anulom Vilom) e ricorda regolarmente agli studenti di mantenere la consapevolezza sul respiro. Assicurati anche di includere una posa di rilassamento come Corpse Pose (Shavasana) o Crocodile Pose (Makarasana) dopo ogni 3-4 posture. Anche un rilassamento finale guidato da 10 a 15 minuti è altamente raccomandato!

risorse

[1] https://journals.sagepub.com/doi/full/10.1177/2156587213499918

[2] https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S1526590011007929

[3] https://www.iaytjournals.org/doi/abs/10.17761/ijyt.20.1.dk8k6nh87w34k754

Circa l’autore

Kalyani Hauswirth-Jain è insegnante senior e direttore creativo presso l’Arhanta Yoga Ashrams dal 2013. È formatrice leader per i corsi di formazione per insegnanti di yoga di 200 ore e 300 ore , nonché una varietà di corsi di 50 ore come Yin Yoga e Vinyasa Yoga, per più di otto anni.

Ha anche scritto il libro Hatha Yoga per insegnanti e professionisti: una guida completa al sequenziamento olistico .

Subscribe now to receive our series of short e-books

Our E-books

Subscribe to our mailing list and receive a series of short e-books