Yoga Alliance International Yoga Federation International Yoga Association RYS 200 International Yoga Association RYS 500

"Questo corso è stato un'esperienza allucinante. I professori sono responsabili e professionali...
Read more

"Questo corso è stato un completo cambio di vita. Ho ottenuto molto di più..."
Read more

“Ho amato ogni minutp del corso. Ho imparato moltissimo sullo Yoga, sulla Filosofia..."
Read more

Tre modi efficaci per risvegliare il primo chakra, Muladhara

Comprendere Muladhara Chakra

Il chakra della radice o Muladhara è situato alla base della spina dorsale. Questo primo chakra è il centro principale dell’esperienza fisica ed emotiva e fornisce un senso di sicurezza durante il vostro viaggio su questo pianeta. Il chakra della radice è la base su cui appoggiano gli altri chakra. Con l’apertura di Muladhara si crea lo spazio per aprire ed equilibrare i chakra superiori. A livello fisico il Chakra della radice è responsabile del funzionamento della parte inferiore del corpo, come la vescica, i reni e la parte lombare della schiena. A livello emotivo, il primo chakra è legato alla fiducia e all’istinto di sopravvivenza. Quando questo chakra è equilibrato, ci si sente centrati, collegati alla terra, al sicuro, liberi da preoccupazioni ed in pace con il mondo. Quando invece è fuori equilibrio o bloccato, si potrebbe sperimentare irrequietezza, stanchezza e disturbi fisici come costipazione e mal di schiena.

Muladhara Chakra 1

Come rilevare uno squilibrio del chakra della radice

Lo squilibrio di un chakra può manifestarsi sia sul piano fisico che sul piano emotivo. Generalmente le persone sperimentano questi sintomi senza esserne consapevoli. La chiave di guarigione è imparare ad ascoltare il proprio corpo e la propria mente accettando che i disturbi fisici o mentali sono messaggi del corpo che sta cercando di dirci qualcosa. Non dovrebbero mai essere trattati con leggerezza, anzi è importante ascoltare questi segnali in modo da poter andare verso la guarigione.

Sintomi emotivi

Quando Muladhara chakra è bloccato si potrebbe verificare una sensazione generale di irrequietezza, che si può manifestare con una costante ricerca di qualcosa che spesso non si è neanche in grado di identificare. Generalmente le persone con uno squilibrio del chakra della radice hanno difficoltà a stabilirsi e a rimanere in un posto, sia in termini di dove si vuole lavorare e vivere, ma anche nei rapporti personali con le altre persone. I sintomi più comuni dello squilibrio del primo chakra sono:
• irrequietezza
• insicurezza
• rabbia e aggressività eccessiva
• impazienza
• golosità
• ossessione su questioni materialistiche

Sintomi fisici

Alcuni disturbi fisici possono essere indice di uno squilibrio di Muladhara. Generalmente questi disturbi coinvolgono la parte inferiore del corpo. Tra tutti, i sintomi più comuni sono:
• problemi della vescica
• costipazione
• mal di schiena lombare
• problemi alimentari
• calcoli renali
• debolezza nelle gambe

Tre semplici modi per risolvere uno squilibrio del chakra della radice

Ci sono diverse tecniche per lavorare sull’apertura e per armonizzare questo chakra, come ad esempio la meditazione, il canto, la dieta e l’attività fisica. Qui di seguito vi indichiamo tre tecniche semplici ed efficaci per bilanciare il primo chakra:

1. Collegarsi con la terra e ancorarsi al proprio ambiente

Dal momento che le persone con uno squilibrio del chakra della radice si sentono irrequiete e scollegate, il primo passo per la guarigione di Muladhara è ristabilire questa connessione. Occorre stimolare questa sensazione di radicamento alla terra: lavorando in giardino, facendo lunghe passeggiate nella natura, cercando di mantenere, ovunque ci si trovi, la consapevolezza della costante forza di gravità che ci mantiene a terra… Allo stesso tempo, è importante avere una buona ed armoniosa connessione con l’ambiente e con i propri cari. Questo collegamento con la terra e l’ambiente circostante indurrà una sensazione di equilibrio e di sicurezza e aiuterà ad essere in pace con sé stessi e con quello che si fa.

2. Abbandonare i bisogni superficiali e materiali e connettersi con il proprio sé interiore

La meditazione e una pratica yoga meditativa possono essere di grande aiuto per lasciare andare bisogni materialistici e distrazioni. Abbandonare i desideri superficiali e connettersi con il vero sé interiore permette di divenire consapevoli di ciò che è veramente importante e di cosa non lo è. Questa consapevolezza vi guiderà nelle vostre decisioni e azioni e allevierà questa sensazione di irrequietezza, frustrazione e aggressività. Nella pratica yoga le asana che aiutano ad equilibrare il primo chackra sono: alcune posizioni da seduti come Sukhasana (posizione facile) e Padmasana (posizione del loto) e altre posizioni in piedi come Tadasana (la posizione della montagna) e Vrksàsana (la posizione dell’albero).

3. Aver fiducia in sé stessi e lasciare andare la paura

Uno degli elementi chiave nella guarigione di Muladhara è quello di imparare ad amare ed avere fiducia in sé stessi e a lasciare andare la paura. Occorre lavorare sull’avere un sentimento di fiducia in sé stessi; occorre credere di essere importanti e preziosi in questo mondo e di poter ottenere qualunque cosa decidiamo sia fondamentale. Fidatevi delle vostre capacità e della vostra forza.

Quando si lavora sul bilanciamento del chakra  della radice si noterà una sensazione di ottimismo, sicurezza, fiducia e vitalità rafforzarsi di giorno in giorno. Come abbiamo detto prima, il primo chakra è la base degli altri 6 chakra. Lavorate quindi su una solida base e godete gli effetti del vostro benessere generale. Ma, soprattutto, godete ed apprezzate ogni passo nel vostro cammino di risveglio spirituale.

Imparate di più sui chakra e sull’effetto dello yoga sui vostri chakra durante il nostro corso di  formazione insegnanti Hatha Yoga in India o nei Paesi Bassi. Nella nostra formazione insegnanti Yin Yoga potrete imparare di più su un tipo di yoga gentile e potrete sperimentare la pace mentale che lo Yin Yoga può dare.

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
Guardare i video

Reportage ed impressioni della Formazione per Insegnanti di Yoga di 200 ore nell'Arhanta Yoga Ashram in India.

Reportage ed impressioni della Formazione per Insegnanti di Yoga di 200 ore nell'Arhanta Yoga Ashram in Olanda.

Impressioni della Formazione per Insegnanti di Yoga Arhanta Yoga in Khajuraho, India.

Andare al nostro canale video

Domandaci in Facebook
Instagram (@arhantayoga)
  • Letting the inner child out kidsyoga yogaforkids play fun ttchellip
  • Starting the day on a good note morningvibes meditation peacehellip
  • Food reveals our connection with the earth Each bite containshellip
  • A plateful of organic goodness after evening asana class yogahellip
  • The art of teaching is the art of assisting discoveryhellip
  • for every dark night there is a brighter day inspirehellip
  • Parivrtta trikonasan   yoga yogi yogini yogattc yogalife yogalovehellip
  •  the best teachers are those who tell you wherehellip
  • The beauty of waking up early enough to see thehellip
Contatti

Nome (necessario)

Email (necessario)

Tema

Messaggio

captcha

Formazione insegnanti Yoga
Prossime Date
Dates Location
2017
10 genn. - 4 febbr. India
8 febbr. - 6 mar. India
20 mar. - 14 apr. Olanda
1 magg. - 26 magg. Olanda
5 giugno - 30 giugno Olanda
10 luglio - 4 ag. Olanda
14 ag. - 8 sett. Olanda
18 sett. - 13 ott. Olanda
27 ott. - 21 nov. India
25 Nov. - 20 dic. India
Per ulteriori informazioni sulle date del 2018, potete visitare: Formazione insegnanti in Europa   Formazione insegnanti in India
Cosa offriamo:
  • Insegnamenti classici e autentici.
  • Corsi di Yoga professionali.
  • Attenzione e orientamento personale.
  • Corsi di Formazione e Certificazione (RYT200 ore) accreditati Yoga Alliance e International Yoga Federation.
  • Programma intensivo con 160 asana classiche di Hatha Yoga.
  • Insegnanti con grande esperienza e competenti.
  • Atmosfera nell’Ashram serena e tranquilla.
  • Sistema di insegnamento tradizionale indiano (sistema Gurukul).
  • Attenta supervisione per la pratica personale.
  • Utilizzo di un metodo investigativo per le spiegazioni e discussioni.
  • Programma dei Corsi di Formazione estremamente dettagliato e accurato